Diamo credito ai nuovi italiani!

Ai nuovi italiani è stato riconosciuto nel 2013 l’11% del credito totale.

I nuovi italiani e il credito – L’anno che ci siamo lasciati alle spalle ormai da quasi tre mesi, oltre ad aver detenuto il record per il calo congiunto dei consumi e del potere d’acquisto dei lavoratori dipendenti, è stato particolarmente difficoltoso anche per quanti abbiano deciso di chiedere un prestito. L’accesso al credito è stato infatti limitato e nella maggior parte dei casi è risultato addirittura impossibile. Tuttavia ciò non ha gettato nello sconforto una fascia di italiani che intende il nostro Paese alla stregua di una terra densa di opportunità, gente che, avendo ottenuto la cittadinanza italiana, pensa alla Penisola come al luogo nel quale ha deciso di costruire il proprio futuro. E per dar vita a simili progetti questi nuovi italiani hanno dovuto chiedere aiuto alla banche, tant’è che l’11% del credito concesso nel corso del 2013 è stato destinato proprio ai nuovi italiani, ossia a quei cittadini provenienti da altri Paesi.

Credito come integrazione – 
Dunque, questa buona percentuale di richieste di credito riguarda il totale di quelle pervenute agli istituti da parte di cittadini italiani di origine straniera, che hanno presentato istanza l’anno scorso. Il credito e la possibilità di accedervi rappresentano per i nuovi italiani una sorta di occasione per integrarsi in maniera sempre più salda, avviando attività e inserendosi quindi nel tessuto produttivo del Paese che li ha accolti e del quale sono divenuti cittadini. Ottenere un credito significa quindi acquisire l’autonomia e la forza di poter mettere radici, nonché una sorta di autorizzazione di stampo economico per poter davvero costruire il proprio futuro nel Belpaese. Tuttavia il credito non è inteso solo come sostegno a un’attività, quanto anche nelle vesti di mutuo per l’acquisto di un’abitazione che è quindi simbolo della volontà di sentirsi parte di uno Stato.

Le richieste e le origini – 
L’inclusione sociale dei nuovi italiani, ne corso del 2013, è pertanto passata attraverso la richiesta di mutui o di prestiti a titolo personale. Tra i nuovi italiani che hanno optato per questa possibilità troviamo al primo posto i rumeni, con oltre un quinto del numero totale di richieste di finanziamento. Per questo gruppo di nuovi cittadini della Penisola ha fatto capo una quota pari al 21,1% del totale, nonostante si sia verificata una timida flessione rispetto al 21,6% del 2012. Al secondo posto ci sono poi gli albanesi, con una percentuale del 5,9%, seguiti dai marocchini, con il 5,4%. Intorno alla quota del 4% troviamo le istanze presentate da cittadini italiani di origine tedesca, filippina e svizzera, mentre a quella del 2,9% ci sono gli italiani di origine peruviana. Compresa tra il 2,8% e il 2,4% è posta la quota di domande presentate da cittadini provenienti dalla Moldavia, dall’Ucraina, dallo Sri Lanka e dall’Ecuador. Per gli italiani oriundi del Senegal, dell’India e del Bangladesh la percentuale si attesta tra il 2,3% e il 2% del totale.

Il capitolo cinese – La questione dei nuovi italiani di origine cinese è particolare, rispetto a quella evidenziata per gli altri gruppi. In questo caso, pur essendo al cospetto della quarta comunità residente in Italia per presenze ufficiali ammontanti a circa 200.000 residenti, le richieste di credito sono state pari a un risicato totale di nove decimi di punto percentuale. Insomma, a fronte dell’ingente numero di cinesi, si può dire che il dato è quasi nullo, soprattutto se si considera che è persino più basso dello share market registrato per originari di Paesi quali Ecuador, Senegal e Tunisia, che sono comunità con appena 80.000 residenti e che hanno presentato un numero di domande superiore a quello relativo ai cinesi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...