Pensionati. Generazione ‘mille euro’

Nel 2012 pensioni basse. Il 42,6% dei pensionati con meno di mille euro al mese

Pensioni basse – I dati Istat sul 2012 parlano chiaro, la maggior parte dei pensionati italiani vive con un trattamento previdenziale inferiore a mille euro al mese. Fino a qualche tempo fa si indicava con l’appellativo, ‘generazione mille euro’ la fascia dei giovani lavoratori, laureati ma precari, con uno stipendio inferiore alle aspettative relative al titolo. Oggi la ‘generazione mille euro’, o anche meno, è composta per lo più da anziani che, dopo anni di sacrifici e duro lavoro, si ritrovano alla fine del mese con pochi spiccioli, ovviamente se rapportati all’aumento dei prezzi e all’andamento per nulla felice del potere d’acquisto.

I trattamenti pensionistici per fasce – In sostanza, secondo l’Istituto di statistica, più di sette milioni di persone, vale a dire il 42,6% dei pensionati, percepiscono un reddito pensionistico mensile al di sotto dei 1.000 euro. A questi si aggiunge poi il 38,7% che ogni mese riceve una pensione tra 1.000 e 2.000 euro, poi il 13,2% con un trattamento tra 2.000 e 3.000 euro, il 4,2% tra 3.000 e 5.000 euro e infine l’1,3% percepisce un importo superiore ai 5.000 euro.

Spesa complessiva –
 La spesa complessiva per prestazioni pensionistiche nel 2012 è stata di 270.720 milioni di euro. Un simile ammontare ha registrato una maggiorazione pari all’1,8% rispetto a quanto calcolato per l’anno precedente, laddove è aumentata dello 0,45% (dal 16,83% del 2011 al 17,28% del 2012) l’incidenza sul Pil.

Assegno medio annuale – Per quel che concerne l’importo medio annuale, vediamo che l’Istat ha stimato un importo di 11.482 euro, rilevando un aumento pari a 253 euro rispetto al 2011 (+2,3%). In totale i pensionati del 2012 sono stati 75 mila in meno rispetto al 2011, fermandosi pertanto a quota 16,6 milioni. In base alle elaborazioni, in media ogni anno questi ricevono 16.314 euro cadauna (358 euro in più del 2011). A ciò bisogna altresì aggiungere che spesso accade che un medesimo pensionato possa essere beneficiario di più trattamenti.

Generi, territorio ed età – Le differenze nella platea dei pensionati italiani ci sono e riguardano soprattutto il genere, la regione di appartenenza e l’età. Per quel che concerne il primo gruppo, vediamo che, secondo quanto riscontrato dall’Istat, le donne coincidono con il 52,9% dei pensionati e percepiscono assegni di importo medio pari a 13.569 euro (contro i 19.395 degli uomini). Il 52% della platea femminile è beneficiario di un trattamento inferiore ai mille euro al mese, mentre la percentuale maschile è pari al 32,2%. Sul fronte territoriale, l’Istituto nazionale di statistica ha sottolineato che il 47,8% delle pensioni è erogato nelle regioni settentrionali, il 20,5% al Centro e il restante 31,7% nelle regioni meridionali. Per quel che concerne il fattore dell’età, nel 2012 hanno iniziato a percepire la pensione 626.408 persone, contestualmente lo stesso anno hanno smesso di essere percettori 701.101. In media il reddito dei nuovi pensionati è pari a 14.068 euro, pertanto risulta inferiore a quello dei cessati che era di 15.261 e a quello dei pensionati sopravviventi che già l’anno precedente percepivano almeno una pensione, in questo caso infatti il reddito medio è pari a 16.403. Il 26,5% dei pensionati è al di sotto dei 65 anni, il 50% ha un’età compresa tra 65 e 79 anni, il 23,5% ha più di 80. Il 67,3% dei pensionati è titolare di una sola pensione, il 24,9% ne percepisce due e il 6,5% tre; il restante 1,3% è titolare di quattro o più pensioni. Il 71,8% della spesa pensionistica totale è assorbito dalle pensioni di vecchiaia, il 14,7% da quelle ai superstiti e il 4% da quelle di invalidità. Infine, per quel che concerne i restanti trattamenti, vale a dire quelli di pensioni assistenziali e le indennitarie, l’Istat sottolinea che queste pesano rispettivamente per il 7,9% e per l’1,7%.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...