Banche italiane: la preferita di Citi è Ubi Banca

Ieri è stata una giornata negativa in borsa per il titolo Ubi Banca, che non è riuscito ad approfittare del report favorevole di Citigroup. Le azioni del quinto gruppo bancario italiano hanno ceduto l’1,58% a 7,145€, in scia all’andamento negativo dell’intero settore del credito in Europa. Il titolo dell’istituto bancario con sede a Bergamo ha fatto leggermente peggio dell’indice azionario generale FTSE MIB40, che ha evidenziato una flessione dell’1,24% a 22.223,80 punti. Eppure Citi ha dichiarato che Ubi Banca resta il titolo bancario preferito in Italia, tra gli istituti di credito di media capitalizzazione. La banca americana ha confermato la raccomandazione a “neutral”, considerando l’ascesa straordinaria degli ultimi due anni (+133%), ma ha aggiornato in modo significativo il target price a 7,3€ da 5,8€.

In questo modo Citi giudica le azioni Ubi Banca valutate correttamente dal mercato, elencando diversi punti di forza dell’istituto che lo rendono più attraente rispetto ai competitor. La banca statunitense sottolinea la solidità del bilancio e il recupero della redditività, un rapporto delle sofferenze più basso e un costo di rifinanziamento sceso su valori minimi grazie alla caduta dello spread Btp-Bund (che ieri però è risalito a 150 punti base) e alle recenti mosse espansive della BCE. Citi ritiene che Ubi Banca sarà l’istituto di credito italiano a media capitalizzazione che beneficerà maggiormente delle recenti misure monetarie ultra-accomodanti dell’Eurotower. E’ stata così alzata la stima sull’utile per azione 2014 a 0,27€ da 0,26€ dopo lo 0,28€ dello scorso anno.

Incrementata anche la stima sull’eps 2015 a 0,36€ da 0,34€ e sull’eps 2016 a 0,47€ da 0,44€. Citi ricorda, però, che il rating di lungo termine della banca resta “high risk”, in quanto il margine di interesse può essere vulnerabile all’andamento dei tassi di mercato e della BCE. Inoltre, la banca soffrirebbe molto un eventuale ulteriore rallentamento dell’economia italiana, nel pagamento dei dividendi o il deterioramento della qualità del credito. In linea generale Citigroup resta positivo sull’intero settore bancario italiano, sul quale la raccomandazione resta “overweight” (sovrappesare le azioni in portafoglio). Oltre a Ubi Banca piace Banco Popolare, ma vengono apprezzate molto anche Unicredit e Mediobanca in virtù del successo della loro storia di ristrutturazione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...