Energia: Renzi sblocca il gas azero, per il Tap lavori al via nel 2015

Il gasdotto Tap, che collegherà l’Italia all’Azerbaigian, si farà.

Dopo anni di valutazioni di impatto ambientale rimbalzate tra regione Puglia, zona d’approdo della pipeline, e il ministero dell’Ambiente, venerdì scorso, nella conferenza stampa seguita al consiglio dei ministri, è stato lo stesso Presidente del Consiglio Matteo Renzi a sbloccare l’impasse:

“Il 20 settembre sarò a Baku per il via libera al Tap, che oggi, per il combinato disposto della Via e del decreto legge, è definitivamente sbloccato”.

Ancora dubbi sull’approdo
Nonostante le parole di Renzi, tuttavia, permangono ancora dubbi su dove il gasdotto terminerà la sua corsa in territorio italiano.

La frazione di San Foca, nel comune di Melendugno, in provincia di Lecce, è stata indicata come luogo ideale per la costruzione del terminale finale del gasdotto sia dallo stato italiano che dallo stesso consorzio Tap.

Eppure sia la regione Puglia che il comitato “No Tap”, nato ormai da qualche anno per bloccare la costruzione dell’opera, hanno espresso dubbi sulla scelta della località pugliese.

Secondo il comitato sono state sottovalutate nella scelta di San Foca:

“Le possibili conseguenze sull’Ecomuseo di Acquarica e sulla Riserva naturale statale Le Cesine, in relazione all’attraversamento di zone ricche di Posidonia Oceanica e Cymodocea oltre che di aree individuate come di nidificazione della tartaruga Caretta caretta, allo sbancamento di ampie aree agricole”.

Sia per la Regione che per il comitato, inoltre, la scelta di San Foca sarebbe infelice anche dal punto di vista ingegneristico.

Una volta approdato a San Foca, il gasdotto potrebbe allacciarsi alla rete nazionale solo nel territorio di Mesagne, in provincia di Brindisi, e sarebbe pertanto necessario costruire un’ulteriore gasdotto di 60 km per connettere il Tap alla rete nazionale Snam.

In ogni modo, al di là delle proteste di cittadini e regione, il governo e il consorzio Tap proseguono sulla loro strada e, nonostante che non ci sia ancora una comunicazione ufficiale, tutto lascia pensare che sarà la frazione di San Foca ad ospitare il terminale del gasdotto azero.

Lavori al via entro un anno
Secondo quanto comunicato dal governo italiano, i lavori per il Tap dovrebbero cominciare tra la fine del 2015 e l’inizio del 2016. Per il consorzio costruttore dell’opera – formato dalla società statale azera dell’energia e da società come Statoil (Norvegia), Bp (UK), Total (Francia) – i lavori termineranno entro il 2019.

Si prevede infine che entro il 2020 il Tap entri a completo regime d’esercizio, riuscendo a trasportare in Europa fino 10milia miliardi di metri cubi di gas all’anno.

Nonostante l’ottimismo del governo italiano, tuttavia, le lungaggini burocratiche potrebbero ritardare ancora una volta l’inizio dei lavori.

Difatti la Via appena approvata dal governo verrà adesso recepita dal Ministero dell’Ambiente, il quale, dopo aver a sua volta recepito l’indirizzo del dicastero dei Beni culturali, emetterà il decreto conclusivo.

A quel punto la palla passerà al ministero dello Sviluppo dello Sviluppo Economico, il quale, al termine della conferenza dei servizi a cui parteciperà anche la regione Puglia, emetterà l’autorizzazione unica.

Ma è proprio in sede di conferenza dei servizi che tutto rischia di arenarsi di nuovo: se la regione Puglia riuscisse nell’opposizione, l’inizio dei lavori slitterebbe spingendo però il Consiglio dei ministri ad avocare a sé l’intera procedura.

In questo modo la palla passerebbe al governo, da sempre favorevole all’opera e intenzionato a tener fede agli accordi firmati con lo Stato azero, anche in nome dell’indipendenza energetica dal gas russo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...