Jobs Act

Articolo 18 tra tutele crescenti e reintegro. Ecco cosa cambia dal 2015.

La Camera dei Deputati ha dato l’ok al Jobs act che adesso passa un Senato per il via libera definitivo. Lo scopo è quello di archiviare la questione entro il 9 dicembre.

Sembra essere dunque finalmente giunta a conclusione la telenovela riguardante l’Articolo 18 dello Stato dei Lavoratori.

Articolo 18: Contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti
La novità più importante in arrivo dopo l’approvazione del Jobs Act sarà la nasciata del contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti, forma contrattuale che però riguarderà solo i neoassunti.
Il Lavoratore avrà diritto a essere reintegrato solo in caso di licenziamento illegittimo, nullo o descriminatorio, ma anche per «specifiche fattispecie» di licenziamento disciplinare. Saranno i decreti delegati a stabilire nei particolari quali saranno queste fattispecie.

In tutti gli altri casi (licenziamenti disciplinari, licenziamenti per motivi economici ingiustificati non ci sarà il reintegro, ma il giudice potrà decidere se il lavoratore avrà diritto a un indennizzo.

Co.co.co.
Il Jobs Act riordina le forme contrattuali attualmente in vigore alo scopo di far divenire il contratto a tutele crescenti la forma di assunzione principale. Si prevede dunque l’avvio di un documento volto a disciplinare le varie tipologie contrattuali e a superare le cooperazioni coordinate e coordinative.

Maternità
La maternità verrà estesa anche alle lavoratrici parasubordinate. Le lavoratrici con figli minori o disabili non autosufficienti avranno inoltre diritto ad un credito d’imposta.
Maternità anche alle parasubordinate

Rimane invece in vigore la norma che prevede la possibilità di cessione dei giorni di ferie ad un collega che ne abbia bisogno per curare i figli malati gravi.

Si stabiliscono anche nuove norme volte a facilitare l’inserimento dei disabili nel mondo del lavoro, nonché il monitoraggio a distanza di impianti e strumenti di lavoro.

Ammortizzatori sociali
Per conoscere i principali cambiamenti riguardanti ammortizzatori sociali e cassa integrazione, cliccare qui.

La Agenzia nazionale per l’impiego
Il Jobs Act prevede infine la creazione di un’Agenzia nazionale per l’impiego che svolgerà tutte le pratiche tramite Internet, senza troppi documenti da compilare per cittadini e imprese.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...