Archivi tag: Scadenze fiscali

Scadenze fiscali dicembre 2014

Il salasso di fine anno è alle porte.

Il mese di dicembre sta per arrivare e la sensazione è che i cittadini italiani non aspettino di prendere in mano luci e alberi di Natale, ma attendano con terrore il salasso fiscale che sta per arrivare.

Il 2014 si conclude infatti in bellezza con un vero e proprio ingorgo di tasse e imposte che rischia di lasciare i cittadini senza un euro in tasca. Dall’Irpef all’Iva, dalla Tari all’Imu, passando per la Tasi ce n’è davvero per tutti i gusti.

Ecco l’elenco relativo alle principaliscadenze fiscali di dicembre 2014.

1 dicembre
- Persone fisiche e società di persone: pagamento seconda o unica rata acconto IRPEF, IRAP,INPS Artigiani e Commercianti ecced. Minimale relative al 2014
- Soggetti IRES: versamento seconda o unica rata acconto IRES, IRAP
- Sostituti di imposta: invio telematico modello “Uniemens” (relativo dati retributivi e contributivi)
- Comunicazione telematica mensile di ottobre all’Agenzia delle Entrate dei dati relativi alle operazioni IVA effettuate con operatori economici con sede in Paesi a fiscalità privilegiata (Black List)
- Acquisti da San Marino comunicazione all’Agenzia delle entrate delle annotazioni effettuate nei registri IVA nel mese precedente

10 dicembre
- SPA quotata residenti nel territorio dello Stato con capitalizzazione inferiore a 500 milioni di euro: Comunicazione al Ministero dell’Economia e delle Finanze attestazione del valore della propria capitalizzazione

16 dicembre
- Pagamento ritenute IRPEF di dipendenti e collaboratori
- Pagamento contributi previdenziali e assistenziali dipendenti e collaboratori
- Pagamento IVA mese di novembre – contribuenti mensili
- Pagamento acconto imposta sostitutiva su redditi da rivalutazione TFR
- Pagamento 2 rata IMU
- Pagamento 2 rata TASI
- Comunicazione telematica all’Agenzia delle Entrate dei dati Iva contenuti nelle Dichiarazioni di Intento

29 dicembre
- Invio telematico elenchi INTRASTAT contribuenti tenuti alla presentazione mensile
- Pagamento acconto IVA ( contribuenti IVA soggetti agli obblighi di liquidazione e versamento sia mensili che trimestrali.

31 dicembre
- Sostituti di imposta: invio telematico modello “Uniemens” (relativo dati retributivi e contributivi)
- Comunicazione telematica mensile di novembre all’Agenzia delle Entrate dei dati relativi alle operazioni IVA effettuate con operatori economici con sede in Paesi a fiscalità privilegiata (Black List)
- Comunicazione al Fondo di previdenza complementare, da parte delle persone fisiche, dei contributi versati e non dedotti nella Dichiarazione dei redditi
- Acquisti da San Marino comunicazione all’Agenzia delle entrate delle annotazioni effettuate nei registri IVA nel mese precedente
- TARI

Annunci

Scadenze fiscali luglio 2014

Scadenze fiscali luglio 2014, l’estate non sembra avere alcuna intenzione di risparmiare qualche patimento ai contribuenti italiani: a dirlo non siamo noi, ma il solito scadenziario pubblicato ogni mese dall’Agenzia delle Entrate, temutissimo documento che ogni italiano preferirebbe poter ignorare. Purtroppo così non è, ed ecco, quindi, riassunte le principali gabelle che a luglio ci ritroveremo – volenti o nolenti – ad affrontare.

1 luglio: Chi non ha optato per il regime della cedolare secca è chiamato al versamento dell’imposta di registro sui contratti stipulati o rinnovati al 1 giugno 2014.

7 luglio: Le persone fisiche titolari dipartita Iva e interessate dagli studi di settore dovranno pagare la cedolare secca (saldo 2013 e acconto 2014), senza però subire l’applicazione di alcun interesse. Stessi soggetti e stessa data per il saldo dell’Iva 2013 (con maggiorazione dello 0,40 per cento).

Il 7 luglio è la data in cui scatta anche l’Irpef: gli interessati dagli studi di settore potranno effettuare i versamenti in unica soluzione (saldo 2013 e acconto 2014), senza dover corrispondere interessi.

Sempre il 7 luglio è il turno delle temute addizionali: le persone fisiche interessate dagli studi di settore (con o senza partita Iva) dovranno fare i conti con l’addizionale regionale Irpef dovuta per il 2013; per quanto riguarda quella comunale, invece, si potrà effettuare il pagamento in unica soluzione o come prima rata (saldo 2013 e acconto 2014).

16 luglio: sempre in tema di Irpef, le persone fisiche titolari di partita Iva potranno versare la seconda rata (saldo per l’anno 2013 e primo acconto per l’anno 2014) con l’applicazione interessi pari allo 0,33 per cento. I non titolari di partiva Iva, invece, pagheranno, in un’unica soluzione o come prima rata, un’Irpef maggiorata dello 0,40 per cento.

Il 16 luglio è un giorno da segnare in rosso per tutti i soggetti Iva: è prevista, infatti, la liquidazione e il versamento dell’imposta sul valore aggiunto relativa al mese precedente, oltre che il pagamento della quinta rata dell’Iva relativa al 2012 (con relativa applicazione di interessi).

31 luglio: A fine mese coloro che non hanno optato per il regime della cedolare secca saranno tenuti a versare l’imposta di registro sui contratti di locazione e affitto stipulati o rinnovati al 1 luglio 2014. Stesso giorno per un adempimento un po’ diverso: la presentazione della richiesta di rimborso (o compensazione) del credito Iva trimestrale.

Per avere l’elenco completo di tutte le scadenze, dichiarazioni, comunicazioni e adempimenti in calendario il prossimo mese di luglio, ecco il link al documento completo pubblicato sul sito web dell’Agenzia delle Entrate.